La piramide motociclistica verso il cambiamento - Come funziona il mondo del motociclismo
 
Stai leggendo il giornale digitale di IISS G.PEANO-C.ROSA su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

IISS G.PEANO-C.ROSA Sport 05/06/2018 05/06

La piramide motociclistica verso il cambiamento

Come funziona il mondo del motociclismo

Il motociclismo è composto da una piramide, frutto di una dura e complessa selezione incentrata sul merito ma con “variabili” che spesso hanno poco a che fare con la qualità del “manico” condizionate dal fattore soldi: in cima c’è la MotoGP (con diversi gradini fra piloti e Team) dove le prime due-tre file dei piloti sono la punta di diamante e solo due-tre (quattro?) super vincenti diventano “pezzi ricercatissimi”, un pozzo di... petrolio.
Poi dalla piramide si scende con la Moto2 e Moto3, quindi il Mondiale SBK (anche qui con diversi livelli), poi il CEV, quindi il CIV ecc. Questa piramide è ricca sulla punta (anche se lo scarto di ingaggio e benefit fra un pilota e l’altro e un Team e l’altro è notevole), poi via via cala fino a diventare “a pareggio” fra entrate e uscite e infine, in una base assai ampia e claudicante, c’è un capovolgimento, con il pilota che deve provvedere pagando di “tasca propria” per correre.
Siamo ai “piloti con la valigia” (soldi provenienti dalla famiglia, da amici, anche da sponsor di solito locali) senza il cui apporto – pur con pesi diversi – non esisterebbero i campionati fuori dal Motomondiale e gli stessi mondiali sarebbero “sguarniti”. Gli attuali Team che corrono senza il sostegno economico dei rispettivi piloti sono mosche bianche, di fatto sono esclusivamente quelli ufficiali o legati alle Case ufficiali.
La grande maggioranza dei piloti può gareggiare solo perché porta la valigia (più o meno pesante) al Team che è una azienda a tutti gli effetti e deve far quadrare i conti, altrimenti chiude i battenti. Tutti i piloti vogliono gareggiare e primeggiare, puntando al podio, alla vittoria: ma vince uno solo. I  Team esistono nella attuale mega strutturazione, oltre per il supporto di grandi Sponsor, grazie al sostentamento elargito dalla Dorna che dà loro una parte (rapportata alla classifica del campionato precedente) della montagna di soldi che entrano nelle sue casse grazie agli ingenti introiti dei diritti televisivi. Questo è oggi il fulcro delle entrate nel Motomondiale diventato sport di massa, non solo in Italia. Le televisioni pagano per acquisire da Dorna i diritti di trasmissione del segnale (soprattutto per la diretta della corsa e del campionato) e a loro volta (le Tv) si fanno pagare dalle Aziende sponsor che investono per ricevere pubblicità fondendo l’immagine aziendale con quella dello sport e del singolo campione.
Il problema, caso mai, è come andare avanti per un domani che è già oggi. A Dorna non si può chiedere di finanziare la “base” di questa piramide ampia e “povera” con i soldi derivanti dalla MotoGP. Ma senza quella base non ci sarebbe il vertice, senza i giovanissimi che iniziano l’avventura delle corse queste non esisterebbero, mancando la possibilità del ricambio. Al motociclismo “minore”, pertanto, serve linfa, una spinta con una forte comunicazione per una nuova immagine che lo renda popolare e quindi appetibile anche per le aziende sponsor.
Dorna dovrebbe investire nella “promozione” dei giovani e dei campionati minori utilizzando il grande potenziale mediatico di cui dispone. Serve anche il peso della FIM, quella Federazione internazionale che non può limitarsi al ruolo di bella statuina impegnata a lustrare in modo autoreferenziale le proprie medaglie di latta.

di Redazione G.Peano-C.Rosa


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi