CYBERBULLISMO:COS’E’ E COME AFFARONTRLO. - “Non è grande chi ha bisogno di farti sentire piccolo”.
 
Stai leggendo il giornale digitale di IISS G.PEANO-C.ROSA su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

CYBERBULLISMO:COS’E’ E COME AFFARONTRLO.

“Non è grande chi ha bisogno di farti sentire piccolo”.

Il cyberbullismo è il termine che indica un tipo di attacco continuo, ripetitivo e offensivo attuato mediante gli strumenti di rete.

Il termine è stato coniato dal canadese Bill Belsey, e, come il bullismo reale, può essere sinonimo di violazione del Codice Civile o Penale e della privacy.

La maggior parte delle vittime sono i ragazzi nella fascia di età tra 12 e i 18 anni.

 I social  stanno diventando uno strumento molto pericoloso, infatti,  se inizialmente era visto come mezzo per avvicinare le persone, oggi molti ragazzi ne fanno un abuso, non conoscendo le dannose conseguenze di un uso incontrollato. Il bullo può facilmente accedere ad informazioni, impossessandosene per poi poter minacciare la vittima oppure  divulgare informazioni private o, addirittura,  false e  molto spesso anche in maniera anonima.

Ma come poter sconfiggere il cyberbullismo?

Sette ragazzi su dieci non si rivolgono ad un adulto, che sia un familiare, un docente o forze dell'ordine. Tali  episodi  si stanno sempre più diffondendo e i numeri forniti dalla Polizia di Stato contano 345 casi negli ultimi due anni con vittime minorenni.

In caso di violenze :

  • Non mostrarsi debole. Il bullo sarà più propenso ad attaccarti e a sminuirti attraverso i tuoi punti deboli.
  • In caso di continue minacce o violenze rivolgersi ad un adulto. Non bisogna essere intimoriti dal raccontare queste manifestazioni ad un “grande”, non significa essere deboli ma, tutt'altro: CORAGGIOSI.
  • Se dovessero essere minacce anonime, rivolgersi alla Polizia per rintracciare il bullo.

Internet va immaginato come un universo parallelo in cui migliaia di persone possono viverci da dietro uno schermo. Conoscendo qualcuno in rete, non bisogna illudersi che  sia un amico con cui confidarsi; potrebbe facilmente rivelarsi tutt'altra persona o forse il vostro più grande incubo, perché su internet è facile spacciarsi per un altro. Non sempre, però, chi conosciamo deve essere un potenziale cyberbullo.

E' bene, dunque,  usare sempre un nickname di fantasia e non dare troppa confidenza agli “sconosciuti”.

“E' facile prendersela con i più deboli, ma se domani il debole fossi tu?”

di Redazione G.Peano-C.Rosa


Parole chiave:

cyberbullismo , scuolalocale

Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi