I diversi modi di vivere un esilio - Ci sono diversi modi di vivere un esilio
 
    Stai leggendo il giornale digitale di IISS G.PEANO-C.ROSA su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    IISS G.PEANO-C.ROSA Riflessioni 26/03/2018 26/03

    I diversi modi di vivere un esilio

    Ci sono diversi modi di vivere un esilio

    Per scelta, per obbligo, per dovere o addirittura per salvare la propria vita o il proprio futuro.
    Io sono partita dalla Francia e sono arrivata qui in Italia.
    Non ho avuto scelta per il mio primo allontanamento della patria, ma ciò che posso affermare è che è stata sicuramente un'esperienza che mi ha cambiato totalmente la vita.
    Vivere l'esilio è scioccante. Necessita di ambientarsi in un paese spesso completamente diverso dal tuo (cultura, lingua, ambienti etc...). Mano a mano si è costretti ad aprirsi per comunicare e imparare qualcosa. Tutto questo ti rende una persona più matura e aperta verso gli altri. Per me partire dalla patria a dieci anni è stato un cambiamento radicale, al quale mi rifiutavo di aderire.
    Il tempo mi ha insegnato a conoscere me stessa e a crescere. In queste situazioni ci si tritrova da soli a riflettere su ciò che ci sta accadendo e su noi stessi.. Dover emigrare, oltre a crescere e maturare, vuol dire anche dover affrontare delle problematiche importanti come la lingua, lo sguardo degli altri (che pensano diversamente da te, che hanno una cultura diversa).
    Ripartire da capo, riuscire a fare nuove conoscenze, avere nuove abitudini, riuscire ad ambientarsi in uno spazio totalmente nuovo e sconosciuto, confrontandosi sempre con queste nuove esperienze diverse dal passato.
    Ricominciare tutto senza dimenticare le proprie radici, il proprio vissuto, per arrivare a ciò che siamo adesso,
    Non dimenticarsi mai delle difficoltà affrontate. I momenti di scoramento, di infinita tristezza: nostalgia, solitudine, malinconia. Superare questi istanti mi ha reso più forte e preparata per qualsiasi altra esperienza. É la nuova vita che ti spetta, che il destino ti ha consegnato, abitudini, insieme alla voglia di scoprire le culture e i paesi che ci circondano.
    Emigrare: l'esperienza più bella della mia vita senza la quale oggi non sarei la stessa.

    Charlotte Ollagnier

    di Redazione G.Peano-C.Rosa


    Parole chiave:

    esilio

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi